Cattedrale di Saint-Jean

Dedicata ai santi Giovanni Battista e Stefano, La Cattedrale di Saint-Jean domina il quartiere della Vieux Lyon (Vecchia Lione), ai piedi della suggestiva collina di Fourvière.
L’edificio fu eretto tra il 1180 e il 1480 in uno splendido incrocio tra stile romanico e gotico.
Di grande impatto è sicuramente il suo orologio astronomico risalente al XIV sec.

Dando un occhio alla facciata si comprende fin da subito che appartiene alla fase pià tarda della chiesa, essendo l’architettura in stile gotico flamboyant. Questa fu costruita riutilizzando blocchi provenienti da antichi monumenti romani, in particolare dall’antico foro cittadino.
E’ composta da due fasce sovrapposte, suddivise da un ballatoio che si appoggia su un cornicione elegantemente scolpito. Nella fascia superiore potete ammirare le torri campanarie che incorniciano il rosone e la cuspide, mentre, in quella inferiore i tre gotici portali strombati (termine tecnico per indicare uno stipite tagliato obliquamente).
Trecento medaglioni scolpiti abbeliscono la facciata con episodi dell’Antico e Nuovo Testamento.
Lungo l’esterno dell’apside sono ancora visibili le antiche strutture in muratura risalenti al XII secolo.

Dall’interno si vede subito il progressivo succedersi degli stili che passano dal romanico nella zona dell’abside al gotico flamboyant della facciata. Tre navate sono suddivise da due file di pilastri polistili (sembrano costituiti da un insieme di sottili colonne). Quella centrale è coperta da una volta crociera esapartite, mentre quelle laterali da volte a crociera semplice.
Le vetrate del rosone centrale della facciata e di quelli del transetto furono costruite negli anni intorno al 1390 e in toni blu-viola: quelli del lato sud, per compensare la presenza del sole hanno toni più freddi e quelli del lato nord più caldi.

All’incrocio fra il transetto destro e la navata centrale, vi imbattete nell‘orologio astronomico. Costruito in origine nel XIV secolo, fu ritoccato diverse volte. L’orologio indica la data (esatta fino al 2019), le posizioni del sole e della luna, e il sorgere delle stelle sull’orizzonte di Lione.